Seconda sconfitta stagionale. L'Alma cede il passo al Pordenone.

Dopo la buona partenza di stagione, i ragazzi di Cuttone cedono il passo al Pordenone.

Seconda sconfitta stagionale. L’Alma cede il passo al Pordenone.

Una discreta Alma non regge l’urto, il Pordenone passa.

Tutto pronto per la seconda di campionato in casa e a Fano arriva il Pordenone di Mister Colucci. Il trainer granata conferma per la terza volta consecutiva gli undici titolari. Tra i pali Miori, Fabbri e Lanini terzini e la coppia centrale GattariFerrani a completare la retroguardia. A centrocampo il solito trio, con Capellupo leggermente arretrato rispetto a Schiavini e Torelli. Davanti la coppia GerminaleMelandri sostenuta dall’onnipresente Filippini.

I giocatori granata non partono male e riescono a tenere il campo, il Pordenone parte un po’ contratto e i giocatori di Cuttone riescono a costruire qualche manovra offensiva che però puntualmente si traducono in un nulla di fatto. L’avversario non è di certo dei più facili ma i ragazzi fanesi non si scoraggiano e dopo un primo tempo di studio tra le due squadre, a pochi secondi dal termine della prima frazione di gara, arriva il primo tentativo concreto dei granata con Germinale che cerca l’acrobazia in area di rigore e la palla che sbatte sulla schiena del difensore nero-verde ed esce in calcio d’angolo.

Nella seconda frazione di gara il Fano esce letteralmente dal campo e cede il passo agli ospiti. I friulani inevitabilmente acquisiscono fiducia, aumentano il ritmo e si fanno sempre più pericolosi, come al ventesimo quando colpiscono la traversa dopo una violenta conclusione dal limite dell’area, o come al venticinquesimo quando ne approfittano e passano in vantaggio sfruttando una mischia in area di rigore, evidentemente mal gestita dalla retroguardia granata che arriva in colpevole ritardo sulla chiusura.

Cuttone e i ragazzi provano a rimettere in sesto la partita ma tutte le manovre offensive si traducono, come nella prima frazione di gara, in un nulla di fatto, non riuscendo mai a centrare lo specchio della porta per tutto il secondo tempo. Unico squillo degno di nota il tiro da fuori di Varano che fa letteralmente la barba al palo prima di spegnersi sul fondo.

Finisce uno a zero per gli ospiti, con l’Alma che esce dalla seconda sfida casalinga con meno certezze e la paura che forse, come sottolineato ad inizio stagione, la coperta è troppo corta e cambi che possano spezzare la partita non sembrano esserci. Quel che è certo è che la formazione di Cuttone sta buttando anima e corpo in ogni sfida, non lesinando di certo fatica e sudore.

Passato il tour de force iniziale ora il Fano può iniziare il proprio campionato e già da domenica prossima avrà la possibilità di misurarsi con una compagine più abbordabile come Feralpisalò, uscita sconfitta ieri dal “Riviera delle Palme” di San Benedetto del Tronto.

#comunquevada #avantialma

 
HIGHLIGHTS PARTITA

 

 

Fb